Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

INGRESSO EURO 12 – RIDOTTO STUDENTI EURO 5

Noam Wiesenberg contrabbasso

Nato a Tel Aviv, Noam Wiesenberg è un bassista e arrangiatore molto ricercato nella scena musicale newyorkese.

Noam was born into a music family, and exposed to many different genres at an early age. After 12 years of playing the cello, Noam switched his focus to the double bass at age 20. The first of several musical crossroads, he chose to focus on jazz because he was mesmerized by the musical capabilities of jazz musicians. Following this transition, he quickly became an integral part of the Israeli Jazz scene. His classical background informs both his composition and arranging, and has lead to collaborations with some of the top symphony orchestras in Israel, including The Jerusalem Symphony Orchestra, The Israel Symphony Orchestra Rishon LeZion, The Haifa Symphony Orchestra, and the Israel Defense Force Education Unit Orchestra.

Noam studied composition and arranging at the Jerusalem Academy of Music and Dance and Jazz Performance at the Rimon School of Jazz and Contemporary Music. He moved to the USA in 2008 to further his formal studies, and in 2010 graduated Magna Cum Laude in Jazz Performance from Berklee College of Music in Boston. He then moved to New York, realizing a years-long dream to join many of his friends, collaborators, and mentors. Noam has since worked with many musicians from New York and beyond, including Antonio Sanchez, Ari Hoenig, Billy Hart, Jeff “Tain” Watts, Gilad Hekselman, Lage Lund, Jonathan Kreisberg, Seamus Blake, Will Vinson, Dave Liebman, Aaron Goldberg, Shai Maestro, Uri Cane, Matisyahu and more.

As an arranger, his extensive international work includes an arrangement for the Metropole Orkest with Grammy award winning singer Lalah Hathaway, conducted by the multiple Grammy award winner Vince Mendoza. Additionally, Wiesenberg wrote string quartet arrangements for Chilean Singer-Guitarist Camila Meza’s new project – “Camila Meza & Nectar Orchestra”, and was the arranger and musical director of a nonet project led by luminary drummer – Ari Hoenig.

Following a ten year career as an arranger and performer of the work of other musicians, Noam has released his debut album, “Roads Diverge” on May 18th 2018 on Brooklyn Jazz Underground Records.

“…his way with melody is as fun as his knack for clever arrangements… It all adds up to a very colorful debut full of promise and heart. Whatever roads Noam Wiesenberg chooses in the future, we should have great pleasure in hearing him tell all about them.” (All About Jazz)

“Strong and fresh” (Jazz Weekly)

“…Being about the power of choice and making choices, “Roads Diverge” shows enough assertiveness for us to conclude that Wiesenberg has made the right ones. His upright bass holds down the desirable amount of esprit to make each listening experience a gratifying, fun ride.” (JazzTrail)

“Roads Diverge showcases the myriad talents of a musician with a bright future.” (AJNEWS.COM)

Ben van Gelder sassofono

Ben van Gelder è considerato a livello internazionale un’autorità del sassofono contralto. Anche i suoi pari e i critici lo esaltano per il suo senso di lirismo e l’esplosivo virtuosismo. Van Gelder si è trasferito a New York quando aveva 17 anni e ha trascorso quasi un decennio collaborando e studiando con alcuni degli artisti più progressisti del mondo come Mark Turner, David Binney, Nasheet Waits e Ambrose Akinmusire. Ha formato un quintetto di coetanei lungimiranti e ha registrato tre album sotto il suo nome acclamati dalla critica. La band è stata in tournée in Europa, Giappone e Stati Uniti. A New York, Van Gelder ha stabilito forti legami con il centro culturale “Jazz Gallery” (dove il futuro è il presente), un luogo che promuove l’eccellenza artistica ed è noto come trampolino di lancio per i talenti. Ha ricevuto molte richieste dopo la sua ultima uscita pubblicazione, Among Verticals. Il disco, ispirato a un dipinto dell’astrattista Frantisek Kupka, ha ricevuto recensioni a 5 stelle nelle pubblicazioni di stampa in tutto il mondo. Van Gelder ha vinto numerosi premi come il Deloitte Jazz Award e il Gold Award assegnati dall’Agenzia Federale per l’Avanzamento nelle Arti. Van Gelder attualmente presso la facoltà del Conservatorio di Amsterdam.

Philip Dizack tromba

Denominato dal DownBeat Magazine come uno dei venticinque “Trombettisti del futuro”, il compositore e interprete, Philip Dizack, è un punto fermo nel linguaggio della tromba jazz moderna. Dizack, uno dei trombettisti jazz più creativi della città di New York, in compagnia della successiva ondata d’eccellenza jazz. Ha pubblicato 3 album da solista ed è stato anche presente regolarmente nelle band e nelle registrazioni di Melissa Aldana, Ben Van Gelder, Bobby Watson, Nicholas Payton, Dayna Stephens, Eddie Palmieri, Wycliffe Gordon e molti altri. 

Nel 2005, Dizack è diventato il più giovane vincitore della prestigiosa competizione Carmine Caruso. Nel decennio successivo, Philip ha pubblicato Beyond a Dream, End of an Era, Single Soul e il DVD, Live in Barcelona.

Philip Dizack, nativo di Milwaukee, WI, si è trasferito nella città di New York nel 2003, dove ha frequentato la Manhattan School of Music con una borsa di studio. Come finalista di YoungArts, è diventato un All-Star dell’Associazione NFAA Clifford Brown/Stan Getz, in tournée negli Stati Uniti, in Canada e in Giappone. Nel 2004 gli è stato conferito il terzo posto dell’International Trumpet Guild Jazz Competition, vincitore della borsa di studio John Coltrane, e vincitore del Concorso Nazionale di Tromba nel 2005.

Eden Ladin pianoforte

Fin dal suo esordio sulla scena newyorkese nel 2008, Eden Ladin è diventato una vera forza di complessità armonica e lirismo. Giocando con una sensibilità che proviene solo dall’auto-riflessione e dall’esplorazione collettiva, il pianista, tastierista e compositore ha ottenuto il riconoscimento da alcune delle più prestigiose pubblicazioni e istituzioni della musica, e ha collaborato con una serie di artisti, compreso Avishai Cohen (basso), Avishai Cohen (tromba), Kimberly Thompson, Ben Street, Joel Frahm, Nir Felder, Eli Degibri, Mark Guiliana, Donny McCaslin, Joe Martin, Justin Brown, Marcus Gilmore e Charles Altura. Eden ha inoltre registrato con un numero di voci distintive, tra le quali Wallace Roney, Eric Harland, Ben Wendel, Myron Walden, Darren Barrett, Gilad Hekselman, Ari Hoenig, Omer Avital, Philip Dizack, Joe Sanders, Dayna Stephens, Orlando le Fleming, Harish Raghavan, Marcos Varela, John Ellis e Camila Meza.

Cresciuto a Tel Aviv come il figlio del famoso batterista israeliano Gil Ladin, Eden iniziò a suonare la batteria all’età di 4 anni, ma aveva iniziato ad essere sedotto dal pianoforte all’età di 8 anni. Continuò ad essere affascinato dal ritmo durante la scuola elementare e, all’età di 14 anni, passò al piano come strumento principale, studiando privatamente con Alec Katz e Amit Golan e con Yafim Yoffe per ear-training e armonia. Avendo ricevuto la borsa di studio dall’American-Israel Cultural Foundation per gli studi all’estero delle performance jazz, così come una borsa di studio per studiare alla New School per Jazz e Musica Contemporanea, Eden ha iniziato a cercare l’insegnamento di idealisti come, George Cavi, Reggie Workman, Billy Harper, Kirk Nurock, William Parker, Robert Sadin, Charles Tolliver, Gerard D’angelo, Jane Ira Bloom, Kevin Hays, Sam Yahel, Joanne Brackeen, Vijay Iyer, Doug Weiss, Ari Hoenig, Ben Monder e Lee Konitz – l’ultimo dei quali ha risvegliato in Eden un concetto duraturo: “Suona ciò che canti; non cantare ciò che suoni “.

La sincerità di espressione e il virtuosismo dello stile ha permesso ad Eden di suonare in molti dei famosi club e locali di New York, tra cui The Blue Note, Joe’s Pub, Webster Hall, Sullivan Hall, Dizzy’s Coca Cola, Iridium, BB King Blues Club, Smoke Jazz e Supper Club , The Stone, Smalls Jazz Club, Mezzrow, The Jazz Gallery, Le Poisson Rouge, 92Y, Symphony Space, National Sawdust e Highline Ballroom. Eden ha intrapreso anche tournée a livello internazionale e suonato in festival e sale per spettacoli di fama mondiale come l’Auditorium Parco della Musica (Italia), Auditorium de Lyon (Francia), Wiener Konzerthaus (Austria), Opera Garnier de Monte Carlo (Monaco), Bozar Center For Belle Arti (Belgio), Sala concerti del Congresso di Vilnius (Lituania), Cotton Club (Giappone), Ronnie Scott (Inghilterra), Duc des Lombards (Francia), Marian’s Jazz Room (Svizzera) Centro Cultural Roberto Cantoral (Messico), Sesc Pompéia ( Brasile), Marciac Jazz Festival Main Stage (Francia), Gent Jazz Festival (Belgio), Pontevedra Jazz Festival (Spagna), Red Sea Jazz Festival (Israele) e Festival Jazz International Rotterdam (Olanda).

Seduto in silenzio, ascoltando la musica che risuona nella sua mente, Eden ha svelato la sua narrativa personale nelle composizioni originali. Ciascuna delle quali riflette anni di esplorazione musicale, viaggiando avanti e indietro tra New York e Tel Aviv. Il suo debutto discografico YEQUM (Contagious Music, 2017) presenta 11 di queste composizioni, co-interpretati da artisti unici Dayna Stephens, John Ellis, Gilad Hekselman, Harish Raghavan e Daniel Dor, insieme agli ospiti speciali Camila Meza e Yonatan Albalak. In ebraico, “yequm” rappresenta “universo”. Attraverso le sue composizioni, Eden ha ricreato il suo universo personale, con il quale cerca di offrire ogni traccia all’ascoltatore.

 

Francesco Ciniglio batteria

Nato a Napoli (Italia) il 5 marzo 1989, Francesco Ciniglio ha iniziato a suonare la batteria all’età di 6 anni sotto la guida del Maestro Sergio Di Natale. Si è trasferito a New York all’età di 21 anni e ha ottenuto un Bachelor dal Fine Arts in Jazz Studies al College città di New York 4 anni dopo. Qui ha avuto l’opportunità di studiare con John Patitucci, Fred Hersch, Mike Holober, Dan Carillo e Scott Reeves, oltre a prendere lezioni private di batteria con Gregory Hutchinson. Nel marzo 2015 Francesco ha registrato il suo primo LP con Aaron Parks al piano e Joe Sanders al contrabbasso. L’album, uscito a marzo 2016 con Fresh Sound New Talent e registrato negli Bunker Studios di Brooklyn, è costituito da composizioni originali di Francesco, insieme a standard del jazz.
Dall’inizio della sua carriera professionale ha potuto collaborare con musicisti come: Aaron Parks, Joe Sanders, Shai Maestro, Dayna Stephens, Seamus Blake, Joel Frahm, Donny McCaslin, Scott Colley, Sheila Jordan, John Ellis, Peter Slavov, Mark Sherman , Vincent Gardner, Wayne Tucker, Melissa Aldana, Jure Pukl, Dida Pelled, Alex Claffy, Alan Hampton, Harish Raghavan, Ari Roland, Mike Karn, Cyrille Aimee, Stefano Di Battista, Rosario Giuliani, Alessandro Presti, Alessandro Lanzoni, Gabriele Evangelista e Daniele Tittarelli per citarne alcuni.
Attualmente, Francesco Ciniglio risiede a New York e, grazie ad una borsa di studio è batterista dell’istituto Artist Diploma presso la Juilliard School of music.

Banca Popolare del Lazio
Eppy
Enoteca Marrocco
Mimì Enoteca
Small Wine Bar
Latina Oggi
Gruppo Bang Marketing Online
Kent Industries
Musichrome